I grandi miti del Linguaggio del Corpo: sorriso e disprezzo

È stato scritto così tanto sul Linguaggio del Corpo che è facile distrarsi ed essere sopraffatti dai contenuti, soprattutto quando si desidera saperne di più e migliorare la propria comprensione.

Dato che lo studio del Linguaggio del Corpo umano è così popolare, è facile assorbire e credere a tutto ciò che si legge. Quando ciò accade, può esserci una tendenza a mantenere certe credenze; spesso perché gli argomenti sono così ben presentati che non c’è motivo di screditarli.

Ecco perché questo articolo può risultare utile. Potremmo scrivere un intero libro su tutti i miti del Linguaggio del Corpo, tuttavia, in questo articolo e nei seguenti, ne presentiamo solo alcuni che sono comuni e che, si spera, ci faranno capire quanto possa essere confuso il mondo dell’osservazione del Linguaggio del Corpo.

Il primo mito in analisi del Linguaggio del Corpo che è entrato nella cultura popolare negli ultimi tempi è la convinzione che un sorriso su un solo lato del volto sia un segno di inganno. Questa espressione è nota nel mondo non verbale come “disprezzo” ed è vista sia negli innocenti che nei bugiardi.

Molte persone etichettano erroneamente questa espressione solo come un segno di “gioia ingannatrice”, si pensa che un bugiardo sia così compiaciuto che la sua menzogna non sia stata smascherata che trova difficile contenere la sua gioia, risultando in questa espressione di soddisfazione.

Mentire può evocare una reazione negativa in qualcuno, come la paura di essere scoperto o la sensazione di rimorso per ciò che ha fatto, tuttavia un’emozione positiva può essere vissuta quando un bugiardo assiste a qualcun altro che viene punito al posto suo.

Un sorriso asimmetrico di soddisfazione può indicare che si stanno godendo la loro capacità di agire senza destare sospetti.

Il mito è svelato perché questa azione facciale è anche presente in chi dice la verità, specialmente quando hanno a che fare con qualcuno che percepiscono come incompetente nelle loro azioni o quando sono con qualcuno che ritengono di uno stato sociale inferiore al loro.

Immagina questo scenario all’interno del tuo posto di lavoro: sei innocente di un’accusa fatta contro di te e coloro chi indaga sull’incidente si concentra su aree completamente sbagliate ed è poco professionale nel modo in cui affrontano l’incidente.

Probabilmente faresti un sorrisetto di disprezzo (insieme a un breve scuotimento della testa di incredulità) mentre sperimenterai anche paura perché forse troveranno un modo per incolparti nonostante la tua innocenza.

C’è un aspetto importante da tenere a mente ogni volta che si valuta la credibilità di una storia, una persona che dice la verità può provare panico quando vede che la sua storia non viene creduta e può vivere una forte emozione di paura.

Quando ciò accade, si verifica un cambiamento fisiologico all’interno del corpo, come una pronunciata elevazione del sistema nervoso simpatico, che si traduce in comportamenti dall’aspetto nervoso (agitazione, cambiamenti di postura, gesti di contatto col viso) e tali comportamenti possono sembrare sospetti per un cacciatore di bugie inesperto. Questo tipo di scenario è chiamato “Errore di Otello” ed è spesso il motivo per cui non si crede a chi dice la verità, perché il loro nervosismo (per paura di non essere creduti) viene spesso scambiato per paura di essere scoperti.

Vuoi imparare a conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/08/the-great-body-language-myths/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.