I grandi miti del Linguaggio del Corpo: sguardo e menzogna

Quanti miti del Linguaggio del Corpo esistono? Come capire cosa è vero e cosa meno? Come visto negli articoli precedenti, andiamo a investigare un altro mito popolare che riguarda gli la direzione dello sguardo.

Un mito diffuso sullo sguardo è quello della direzione in cui si muovono gli occhi e le informazioni che si presume possano rivelare. Concentrarsi solamente sui movimenti degli occhi può compromettere la capacità di rilevare l’inganno e, ancora una volta, la ricerca moderna (Wiseman, Mann, Vrij, Watt, Porter, DePaulo) ha concluso che gli occhi (in particolare i loro movimenti) non forniscono informazioni affidabili sull’inganno.

Esaminare gli indizi sbagliati nell’inganno può avere serie conseguenze, come etichettare chi dice la verità come bugiardo perché abitualmente guardava “in alto e a destra” quando gli veniva chiesto se vedevano qualcosa in relazione a un furto da un armadietto.

Ecco il punto di vista di una ricerca condotta su questa credenza popolare:

Le ricerche condotte da accademici di due università hanno concluso che la credenza comune degli occhi ingannevoli è un mito. Molti psicologi pensano che quando una persona guarda in alto alla loro destra è probabile che stia mentendo e che alzare lo sguardo a sinistra indichi onestà. Gli esperti dell’Università di Edimburgo e della Hertfordshire University hanno effettuato dei test nel 2012 e la ricerca è apparsa sulla rivista online Public Library of Science ONE”

Secondo la teoria, quando le persone destrorse guardano in alto alla loro destra è probabile che visualizzino un evento “costruito” o immaginato. Al contrario, quando guardano alla loro sinistra è probabile che stiano visualizzando un evento “ricordato”. Per questo motivo, quando i bugiardi costruiscono la propria versione della verità, tendono a guardare a destra.

“La nostra ricerca non fornisce alcun supporto per l’idea e quindi suggerisce che è tempo di abbandonare questo approccio per individuare gli inganni”.

Il professor Richard Wiseman, psicologo, dell’Università dell’Hertfordshire, ha dichiarato: “I risultati del primo studio non hanno rivelato alcuna relazione tra la menzogna e i movimenti degli occhi, e il secondo ha mostrato che raccontare alle persone le affermazioni fatte dai professionisti della PNL non ha migliorato le loro capacità di rilevamento delle bugie”. Uno studio di follow-up ha comportato l’analisi di video di conferenze stampa di alto profilo in cui le persone chiedevano aiuto per trovare parenti scomparsi o affermavano di essere state vittime di reati. Mentre alcuni dicevano la verità, altri stavano mentendo. Ancora una volta, non c’era alcuna prova di una correlazione tra la menzogna e i movimenti degli occhi “.

Concentrarsi su questo o altri miti può ostacolare la capacità di osservare i comportamenti più rivelatori (verbali e visivi) nel nostro interlocutore, soprattutto se pensiamo che siano comportamenti ingannevoli; come l’ascolto delle parole, osservare il comportamento di piedi e gambe, come il rivelatore “incrociare le gambe in piedi” o i piccoli passi che segnalano il desiderio di allontanarsi da noi. Più ci concentriamo sugli indizi sbagliati e meno noteremo queste altre azioni rivelatrici.

Ci sono molti altri miti sul Linguaggio del Corpo, come “incrociare le braccia significa sempre essere sulla difensiva” oppure che “giocare con i capelli è un segno sicuro di seduzione”. Vale sempre la pena ricordare che non tutto ciò che leggiamo, nonostante quanto entusiasticamente possa essere ritratto, è la verità!

Vuoi imparare a conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/08/the-great-body-language-myths/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.