Emozioni e pensiero critico: amici o nemici?

Hai mai notato che quando le emozioni sono intense, pensare in modo critico e strategico è quasi impossibile? Emozioni e pensiero sono strettamente collegati tra loro.

Questo accade, per esempio, nello sport ad alti livelli, ma non è l’unico contesto in cui le emozioni influenzano le nostre capacità di pensiero critico. Molti di noi vivono situazioni in cui devono essere in grado di pensare in modo critico e adattarci strategicamente anche in presenza di alti livelli di emotività: operatori sanitari in prima linea, individui in pericolo o coloro che affrontano situazioni difficili con i propri cari.

Essere in grado di pensare in modo critico e strategico nonostante si vivano emozioni forti può essere un’abilità molto utile. Ma farlo è estremamente difficile, perché le emozioni e il pensiero critico sono su un‘altalena: più intensamente proviamo le emozioni, più è difficile pensare in modo critico e strategico.

PERCHÉ EMOZIONI E PENSIERI ENTRANO IN CONFLITTO?

Secondo una prospettiva evolutiva le emozioni e le esperienze affettive esistevano molto prima nella nostra storia rispetto alle complesse capacità di pensiero critico degli esseri umani moderni. Avevamo bisogno di quelle reazioni emotive per orientarci nel nostro complesso mondo sociale e per adattarci alle minacce nell’ambiente al fine di sopravvivere.

Le reazioni emotive ci hanno aiutato ad affrontare la tigre che ci saltava addosso all’improvviso, quando abbiamo scoperto che il nostro prezioso cibo o i nostri compagni erano fuggiti, o quando abbiamo ingerito cibi o bevande avariati. Se non avessimo reazioni emotive che ci permettono di adattarci a diverse situazioni, non saremmo qui oggi! Più precisamente, quegli individui che non hanno avuto quelle reazioni emotive sono stati esclusi naturalmente dal pool genetico e quelli con il sistema emotivo (cioè, il resto di noi oggi) sono stati selezionati per sopravvivere.

NON ABBIAMO EMOZIONI. SONO LORO A POSSEDERCI.

Quando le emozioni vengono a galla, essenzialmente prendono il sopravvento sulle nostre capacità di pensiero critico. Si dice che “abbiamo” emozioni, ma in realtà questo è un termine improprio. Quando siamo molto emotivi, sono le emozioni che ci “hanno” e prendono il controllo di molti dei nostri sistemi cognitivi e comportamentali. Recuperare la nostra capacità di pensare in modo critico richiede del tempo.

Numerose ricerche degli ultimi due decenni hanno dimostrato che le emozioni e i pensieri non sono sistemi completamente distinti, separati e indipendenti nella nostra mente e nel nostro cervello, ma in realtà sono altamente interconnessi tra loro. Questo è vero non solo psicologicamente ma anche neurofisiologicamente, come hanno dimostrato recenti ricerche sul cervello.

A cosa si fa riferimento quando si parla di pensiero critico? Si riferisce generalmente alla “capacità di analizzare le informazioni a più livelli di complessità”.

Ciò che è più importante è pensare strategicamente a “come affrontare il contesto o la situazione in cui ci si trova per raggiungere un obiettivo, nonostante o in aggiunta al fatto che si è molto emotivi”. Dobbiamo essere in grado di pensare in modo critico e strategico anche mentre si provano emozioni intense, riuscendo a raggiungere obiettivi in situazioni ad alta intensità.

COME MIGLIORARE LA PROPRIA INTELLIGENZA EMOTIVA?

Vista la stretta interconnessione tra emozione e cognizione, come possiamo “scavalcare” quel sistema per essere in grado di pensare criticamente e strategicamente al fine di raggiungere obiettivi costruttivi nonostante esperienze emotive intense? È un’attitudine innata e immutabile? O è un’abilità che può essere allenata e migliorata?

La risposta è che è entrambe le cose. Indipendentemente dalle caratteristiche genetiche con cui siamo nati, possiamo allenarci e migliorare questa abilità. Questa abilità è stata chiamata in vari modi: abilità emotive, competenza emotiva, intelligenza emotiva, regolazione delle emozioni, ecc. Ma qualunque cosa sia, non è facile da mettere in atto. Stiamo parlando di sovrascrivere qualcosa che è in gran parte innato ed ereditato, fa parte della nostra storia evolutiva e filogenetica, e che abbiamo praticato per tutta la vita.

Come addestrare le persone a pensare in modo critico e ad agire strategicamente in situazioni altamente emotive? Esistono sistemi diversi per farlo. Questi includono analisi critiche degli incidenti, meditazione, yoga e molti altri. Tutti funzionano se eseguiti regolarmente, esiste più di un modo per migliorare la nostra Intelligenza Emotiva.

Vuoi conoscere meglio le emozioni e il Linguaggio del Corpo per migliorare le tue relazioni e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2021/01/emotions-and-critical-thinking-update-2021/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.