Rabbia e rimpianto

Ti sei mai pentito di come hai affrontato la rabbia in passato? Tutti l’abbiamo fatto! Quando pensiamo a emozioni potenzialmente distruttive spesso pensiamo alla rabbia.

COS’È LA RABBIA?

La rabbia è probabilmente l’emozione più comune che abbiamo che porta in seguito a sentimenti di rimpianto. La rabbia non è un’emozione “cattiva”, arrabbiarsi può portare a qualcosa di buono nella nostra vita e nella società. La rabbia e tutte le altre emozioni di base esistono per una ragione.

Nella nostra storia evolutiva, essere arrabbiati (e disgustati, spaventati, tristi, ecc.) era funzionale per noi. La rabbia, come tutte le altre emozioni di base, ci ha aiutato ad affrontare i problemi nella nostra vita e nel nostro ambiente per sopravvivere. Nel nostro passato evolutivo, emozioni come la rabbia erano importanti per affrontare molte lotte della vita. Tutte le nostre emozioni ci hanno permesso di gestire eventi incredibilmente difficili che ci hanno richiesto di pensare con una consapevolezza cosciente minima.

Le emozioni ci hanno aiutato ad affrontare per millenni la nascita, la morte, la ricerca di cibo, la lotta per i partner e le risorse e tutto il resto necessario per sopravvivere.

In altre parole, se non avessimo la rabbia (e le altre emozioni), non saremmo qui. Gli individui che non avevano sistemi emotivi adeguati all’ambiente sono stati esclusi dalla selezione naturale.

RABBIA E RIMPIANTO, PERCHÉ ACCADE?

A volte la nostra rabbia ha la meglio su di noi, ci arrabbiamo e in seguito ci pentiamo di esserci arrabbiati.

Ecco tre motivi per cui ci pentiamo di esserci arrabbiati:

1) La rabbia era una reazione inappropriata alla situazione.

2) La rabbia è stata la reazione appropriata alla situazione, ma l’abbiamo espressa troppo intensamente.

3) La rabbia è stata la reazione appropriata alla situazione, ma abbiamo espresso la nostra rabbia in un modo che ha danneggiato qualcun altro.

Concentriamoci su quest’ultimo motivo per cui potremmo rimpiangere la nostra rabbia. Esprimere la rabbia in modi che feriscono o danneggiano gli altri, è particolarmente problematico perché spesso (non sempre) accade inutilmente. Questo può essere vero non solo per i propri cari, la famiglia e gli amici, ma anche per gli estranei.

HAI FERITO QUELLI CHE AMI?

Perché ci arrabbiamo con i nostri cari? Quando siamo molto emotivi, una cosa che accade è il “gating cognitivo”. Quando vengono attivate, le emozioni “canalizzano” i nostri sensi, la percezione e la mente per far entrare certe cose e bloccarne altre. In caso di rabbia, quando siamo arrabbiati, il nostro sistema sensoriale diventa molto sensibile ai segnali di rabbia nel nostro ambiente.

Questo ha perfettamente senso, perché una cosa che fa l’emozione della rabbia è attivare un sistema organizzato di risposte corporee che ci aiuti a prepararci a combattere.

In tal modo, la nostra mente è inconsciamente alla ricerca di segni di rabbia negli altri, perché vogliamo sapere chi altro è pronto a combattere per essere consapevoli delle potenziali minacce. Quindi diventiamo “ipervigilanti” e molto sensibili verso i segnali di rabbia negli altri, specialmente nelle persone che vivono accanto a noi per buona parte della giornata.

COME FUNZIONA IL CIRCOLO VIZIOSO DELLA RABBIA?

Altri possono captare i nostri segnali di rabbia, facilmente e inconsciamente. Quelle percezioni, a loro volta, possono innescare la rabbia in loro.

Noi, che siamo già ipervigilanti ai segnali di rabbia, raccogliamo quei segnali e questo alimenta ulteriormente la nostra rabbia, e la esprimiamo di più, in un circolo vizioso.

Questo ciclo di scambio di rabbia continua molto rapidamente in modo che anche dopo pochi secondi, le persone possono arrivare a litigare perché sono entrambe arrabbiate, mentre il problema iniziale forse è stato già dimenticato.

Vuoi conoscere meglio le emozioni e il Linguaggio del Corpo per migliorare le tue relazioni e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2021/02/understanding-anger/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.