Coronavirus: Comunicazione Non Verbale reale e digitale

La pandemia di Coronavirus ci ha bloccato dentro le nostre case e porta a connetterci attraverso il web e le telecomunicazioni.

Il recente passaggio dalla comunicazione personale a quella digitale ha indubbiamente cambiato il modo di leggere le persone. Come è cambiato il modo in cui osserviamo le persone e interpretiamo il loro Linguaggio del Corpo?

David Matsumoto, psicologo e direttore di Humintell, suggerisce che ciò deriva in gran parte dal fatto che gli umani non si sono evoluti per fare comunicazioni “bidimensionali”, come ad esempio attraverso uno schermo di computer. Al contrario, abbiamo evoluto i nostri sensi percettivi per vivere in un mondo tridimensionale e il nostro senso della realtà è fondato su questo fatto.

“Le interazioni si basano sull’essere vivi e di persona. Essere vivi e di persona con qualcuno e interagire con loro è parte di come ci siamo evoluti ed è ciò che abbiamo imparato a fare per tutta la vita”

È vero che quando si comunica digitalmente, la stimolazione visiva del comportamento di una persona o delle sue espressioni facciali è quasi la stessa di essere faccia a faccia, soprattutto dato il livello di tecnologia che abbiamo ora. Inoltre, è presente la tua percezione uditiva (capacità uditiva), poiché puoi sentire chiaramente il tono di voce dell’altra persona. Ma ci sono chiaramente alcune differenze sostanziali tra l’essere dal vivo rispetto al virtuale, tra cui una riduzione della Comunicazione Non Verbale e del comportamento non verbale.

Quali sono alcune di queste differenze?

Differenze di comunicazione tra vita reale e digitale

In un contesto dal vivo quando interagiamo con gli altri, riceviamo quelli che sono chiamati “pacchetti non verbali completi”. Questo pacchetto completo non include solo le espressioni del viso e del viso, ma include anche la voce, i gesti, la postura del corpo, nonché i movimenti di gambe, mani e piedi. Di persona abbiamo anche la capacità aggiuntiva di percepire la distanza tra loro, ascoltare suoni e provare vari odori.

“Anche se siamo in grado di comunicare attraverso queste tecnologie di comunicazione remota, vi è una riduzione generale delle informazioni che possiamo ottenere in modo non verbale”

Praticamente abbiamo molti meno segnali osservabili. Di solito non puoi vedere tutto il corpo e quindi non puoi vedere molti dei movimenti del corpo dalla vita in giù che puoi vedere dal vivo. Ci sono anche più distrazioni: sullo schermo, puoi vedere te stesso e concentrarti su come sembri. Gli sfondi delle persone sono statici e portano alla noia e alla perdita di attenzione. È facile prestare meno attenzione alla persona con cui stai parlando.

A livello digitale c’è anche una grande riduzione dei dati nella capacità di rilevare espressioni sottili del viso. Le impostazioni tridimensionali (3D) sono particolarmente importanti per la lettura dei volti. Le espressioni sono cambiamenti di aspetto che si verificano a causa di modelli di rughe e di come la luce cade su quei contorni delle rughe. Pertanto, la percezione bidimensionale (2D) riduce il numero di stimoli che possiamo osservare per leggere le espressioni facciali delle emozioni.

Quindi la nostra mente è programmata per comprendere meglio le interazioni personali in presenza piuttosto che attraverso uno schermo, il rischio di avere meno ricchezza comunicativa in un incontro virtuale è molto alto. E voi che ne pensate?

Vuoi imparare a comunicare meglio via web e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/04/how-has-communication-changed-from-the-covid-19-pandemic/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.