Capire e gestire la rabbia

La ricerca degli “antecedenti emotivi” e decenni di studio delle emozioni hanno portato a molte teorie di valutazione delle emozioni, teorie accettate su come le emozioni, tra cui la rabbia, vengono suscitate.

COME NASCE LA RABBIA?

La maggior parte degli studiosi accetta che le emozioni siano innescate da una sorta di processo di valutazione nella mente. Cioè, quando si verifica un evento, la nostra mente valuta l’evento. Alcuni eventi innescano emozioni, altri no. Come viene determinato? Questo è ciò che studiano le teorie della valutazione, forniscono linee guida su ciò che sta accadendo nella nostra testa per innescare determinate emozioni.

La ricerca interculturale sugli antecedenti e sulle valutazioni delle emozioni ha dimostrato che ci sono relativamente poche differenze culturali nei tipi specifici di eventi che innescano le emozioni in noi. Ovviamente quando un evento si verifica solo in una cultura, non può innescare emozioni in un’altra. Ma in generale gli stessi tipi di eventi possono scatenare emozioni in tutto il mondo (il che è molto interessante di per sé). Non sorprende che molte emozioni siano innescate in situazioni sociali in tutte le culture.

La ricerca ha suggerito che le emozioni di base sono associate a fattori scatenanti psicologici universali che sono alla base delle valutazioni degli eventi. Cioè, indipendentemente da quale sia l’evento specifico, ci sono alcuni temi psicologici elementari che provocano emozioni. E con le emozioni di base, gli stessi temi psicologici elementari innescano emozioni in tutto il mondo. È una cosa incredibile e fornisce un’altra base per comprendere le emozioni che ci circondano, nonostante le differenze culturali. È un altro motivo per cui le emozioni sono un linguaggio universale.

Il tema psicologico universale che scatena la rabbia in tutto il mondo sono gli ostacoli al raggiungimento dei nostri obiettivi

La rabbia è l’emozione che si attiva quando i nostri obiettivi vengono bloccati o ostacolati. Questo ha senso anche, perché quando i nostri obiettivi sono bloccati, la rabbia aiuta a preparare il nostro corpo a combattere per rimuovere quegli ostacoli.

Gli ostacoli di solito non sono persone; sono azioni, o più precisamente i risultati di azioni.

Se ti arrabbi per come viene arrotolato il tubetto di dentifricio, ad esempio, l’ostruzione è il modo in cui viene arrotolato il dentifricio, non la persona che lo ha arrotolato. Quindi, in senso stretto, dovremmo pensare a come affrontare le azioni o i loro risultati quando ci arrabbiamo.

COMPRENDERE E GESTIRE LA RABBIA

Il problema è che quando accade qualcosa che scatena la rabbia in noi, siamo pronti ad associare l’ostruzione alla persona che ha compiuto l’azione che ha provocato tale ostacolo.

Personalizziamo la rabbia incolpando la persona e non l’azione; incolpiamo la persona che ha arrotolato il dentifricio. Ma così facendo stiamo smarrendo lo perdendo di vista lo stimolo effettivo, perché lo stimolo della rabbia è l’ostruzione, non la persona che ha causato l’ostruzione.

Ad esempio, quando il tuo partner fa qualcosa che ti irrita (l’irritazione fa parte della famiglia dell’emozione della rabbia), siamo pronti a incolpare la persona (coniuge) quando in realtà dovremmo concentrarci sull’ostacolo (ad esempio come arrotolare il tubetto di dentifricio).

Incolpare la persona porterebbe alle nostre espressioni di rabbia verso la persona quando in realtà potremmo e dovremmo dirigere la nostra energia verso l’ostacolo (come trovare soluzioni per arrotolare bene un tubetto di dentifricio), non contro la persona. Oppure, meglio ancora, potremmo considerare perché l’obiettivo era così importante per noi, il che potrebbe condurci lungo un percorso completamente diverso che coinvolge qualche interessante auto-riflessione.

Incolpare le persone e non le azioni è il modo in cui possiamo entrare in un ciclo distruttivo di reazioni di rabbia nei confronti degli altri.

Se riusciamo a riformulare il nostro pensiero sull’ostacolo e non sulla persona, possiamo concentrare la nostra discussione sulla risoluzione del problema mantenendo le relazioni positive, non danneggiandole.

Come controllare gli scoppi di rabbia? Naturalmente, il bisogno di sapere che si può rivalutare la situazione quando sei arrabbiato richiede in primo luogo che tu sia consapevole di essere arrabbiato. È tutta una questione di regolazione delle emozioni.

Vuoi conoscere meglio le emozioni e il Linguaggio del Corpo per migliorare le tue relazioni e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2021/02/understanding-anger/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.