Gestire gli stimoli emotivi

Esistono 6 fattori che influenzano quanto possiamo ridurre il potere di un trigger emotivo

Mentre le nostre emozioni si sono evolute per aiutarci, ci sono momenti in cui le nostre risposte emotive non ci servono più per una serie di motivi. I trigger emotivi indesiderati possono variare dall’essere una piccola seccatura oppure, in alcuni casi, spingerci a un comportamento estremo.

Piuttosto che spegnere completamente le nostre emozioni, la maggior parte di noi vorrebbe avere la capacità di spegnere le nostre reazioni emotive e gestire selettivamente specifici trigger emotivi. Il modo in cui il nostro cervello e il nostro corpo sono cablati rende difficile, anche se non impossibile, “disimparare” le connessioni che abbiamo formato tra trigger specifici e risposte emotive.

Sei diversi fattori sono in grado di determinare quanto successo si possa avere nel ridurre l’importanza e il potere di un innesco emotivo, così come la lunghezza del periodo refrattario (il periodo in cui siamo in grado di utilizzare solo le informazioni che supportano l’emozione che stiamo provando).

I 6 fattori che determinano quanto riusciamo a “raffreddarci” dagli stimoli emotivi

1) Il primo fattore è la vicinanza al tema evolutivo universale. Le emozioni hanno sia temi universali che variazioni individuali apprese. Più l’innesco appreso è vicino al tema non appreso (universale), più difficile sarà diminuire il suo potere. Un esempio è qualcuno che sperimenta la rabbia stradale. Mentre arrabbiarsi per le auto che ci tagliano la strada non è un tema universale (non tutti si arrabbiano per la guida maleducata, e le auto sono diventate solo relativamente di recente un punto fermo nella vita umana), essere ostacolati nel perseguimento di un obiettivo è un tema universale per la rabbia.

2) Una seconda questione da considerare è quanto da vicino l’istanza attuale assomigli alla situazione originale in cui l’innesco è stato appreso per la prima volta. Per esempio, consideriamo un ragazzo che è stato preso in giro da suo padre, un uomo forte e dominante. La presa in giro da parte di una donna, un coetaneo o un subordinato non è così vicina come la presa in giro da parte di un uomo che ha una certa autorità su di lui. Quindi, dovrebbe essere più facile per il ragazzo indebolire l’innesco dell’emozione quando viene preso in giro da qualcuno che non sia una figura di autorità maschile.

3) Una terza questione è quanto presto nella vita di una persona il fattore scatenante è stato appreso. Presumibilmente, prima il fattore scatenante è stato appreso, più difficile sarà indebolirlo. In parte, ciò è dovuto al fatto che la capacità di controllare le reazioni emotive a qualsiasi fattore scatenante le emozioni non è così ben sviluppata nei primi anni di vita. Quindi, ci sarà una reazione emotiva più forte associata a fattori scatenanti appresi nei primi anni di vita rispetto a quelli appresi in età adulta, a parità di condizioni. In parte, è anche a causa della possibilità (suggerita da psicologi dello sviluppo e psicoanalisti e supportata da studi sul cervello e l’emozione) che la prima infanzia sia critica nella formazione della personalità e della vita emotiva. Ciò che viene appreso allora è più forte e più resistente al cambiamento, e i fattori scatenanti appresi in un periodo così critico possono produrre un periodo refrattario più lungo.

4) La carica emotiva iniziale è il quarto fattore chiave di influenza. Più forti sono le emozioni provate quando il trigger è stato appreso per la prima volta, più difficile sarà indebolire il suo impatto. Considerate l’esempio delle prese in giro di cui sopra. Se l’episodio di presa in giro fosse stato lieve o moderato, piuttosto che forte, se i sentimenti di umiliazione, inutilità e risentimento per la perdita di potere fossero lievi piuttosto che forti, allora sarebbe più facile raffreddare l’innesco.

5) Il quinto fattore che contribuisce alla forza e all’indelebilità di un particolare innesco è la densità dell’esperienza. La densità si riferisce a ripetuti episodi di esperienze ad alta carica emotiva che si verificano in un breve periodo di tempo, e che effettivamente sopraffanno la capacità della persona di farvi fronte. Quando c’è una carica emotiva iniziale molto forte e molto densa, mi aspetto che il periodo refrattario, e la successiva reazione a quell’innesco, siano lunghi, rendendo difficile per le persone rendersi conto nel primo secondo o due che stanno rispondendo in modo inappropriato.

6) Il sesto fattore è lo stile affettivo. Ognuno di noi differisce nella velocità delle nostre risposte emotive e nella forza delle nostre risposte, e in quanto tempo ci vuole per riprendersi da un episodio emotivo. Gli individui che generalmente hanno risposte emotive più rapide e forti avranno un tempo molto più difficile per raffreddare una causa scatenante.

Vuoi conoscere meglio le emozioni e il Linguaggio del Corpo per migliorare le tue relazioni e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/blog/managing-emotional-triggers/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.